Riserva naturale di Vincheto di Celarda

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Riserva naturale di Vincheto di Celarda

27 Maggio 2018 | 9:30 - 12:00

Domenica 27 maggio lezione itinerante a Feltre, nella splendida Riserva Biogenetica Naturale del Vincheto di Celarda. Una camminata semplice, alla portata di tutti, ma molto interessante per l’ambiente affascinante in cui si svoge.
 
Responsabile camminata: Istruttrice Sandra, tel. 347 407 0774
 
Lunghezza percorso Km. 8
Difficoltà: facile
Ritrovo e partenza ore 9.30 Riserva Naturalistica del Vincheto di Celarda
Durata percorso: ore 2
Termine camminata ore 11.30/12.00
 
Partenza dal parcheggio di Galliera Veneta: ore 8.00
 
Possibilità di pic-nic nei tavoli all’interno dell’area naturalistica.
 
Adesione obbligatoria entro venerdì 25 maggio.
 
Informazioni dell’Area Naturalistica del Vincheto di Celarda

Riserva naturale biogenetica e zona umida di valore internazionale riconosciuta ai sensi della ‘Convenzione di Ramsar’.

Il nome ‘vincheto’ si riferisce all’area palustre-paludosa un tempo ottimo terreno per coltivazione-raccolta dei ‘vinchi’, i rami di salice utilizzati come materiale da intreccio nella costruzione di ceste. In lingua veneta i termini sono conosciuti anche come ‘strope’ e ‘stropari’ (Stroppari ricorre in numerose località venete).

L’ambiente è splendido ed appagante. Un luogo affascinante.

Numerose le risorgive e i stagni d’acqua, residui dell’ultima grande glaciazione di 10.000 anni fa. L’area è delimitata dal fiume Piave, dal torrente Caorame e dal torrentello Celarda.

Sono possibili facili passeggiate dove ammirare svariati ambienti naturali o rinaturalizzati, recinti di ripopolazione e cura di animali selvatici e domestici e vasche di allevamento di pesci fluviali per la ripopolazione.

Vi sono grossi erbivori allo stato semi-selvatico o chiusi in appositi grandi recinti: cervi, camosci, caprioli, ecc.

La vegetazione è rigogliosissima e prepotente. Numerosissimi gli uccelli.

Ovunque sono presenti pannelli divulgativi molto interessanti e ben mantenuti ed il centro dispone di sale didattiche e per conferenze. Tutto è curatissimo dal personale forestale e ricerche, studi e divulgazione sono svolti in collaborazione con istituti universitari.

L’area protetta è pressoché pianeggiante, proprio sulla riva destra del fiume Piave che un tempo l’occupava con le ramificazioni dall’antico alveo. Fin dalla fine delle grandi glaciazioni l’accumulo di materiale grossolanamente ghiaioso evita l’invasione dell’acqua di piena e permette il deposito di terreno alluvionale e humus vegetale e l’insediamento di una ricca flora: dalle piante pioniere fino al bosco di conifere.

Numerosi sono i rami fossili del fiume a formare piccole paludi, stagni e torrentelli alimentati da risorgive o fontanazzi. L’ambiente umido è di straordinario interesse. Oltre agli animali nei grandi recinti, che viceversa sarebbero difficilmente osservabili allo stato brado, con un po’ di fortuna si possono incontrare fauna ed uccelli selvatici lungo i sentierini che si diramano nei boschetti e nelle zone umide.

 

 

Dettagli

Data:
27 Maggio 2018
Ora:
9:30 - 12:00
Categoria Evento:

Luogo

Feltre